Il nostro civilista Alessio, direttamente dal campo in Etiopia, ci racconta della festa di Meskel, una celebrazione che commemora la scoperta della “vera” croce su cui venne crocifisso Gesù Cristo.


“Il Meskel (croce dall’amarico), è una festività che il 27 settembre di ogni anno, o il 28 nell’anno bisestile, vede i cristiani della chiesa ortodossa radunarsi nella capitale etiope. La scoperta della croce può essere fatta risalire al IV secolo, quando la madre dell’imperatore romano Costantino, la regina Elena, ricevette una rilevazione divina.  La leggenda narra che la regina Elena, ora canonizzata, fece un sogno in cui le fu detto di accendere un falò il cui fumo le avrebbe mostrato il luogo esatto in cui fu sepolta la “vera” croce di Cristo. Dopo aver seguito le indicazioni date, il fumo si alzò in alto fino al raggiungimento del cielo e tornando al suolo, mostrò esattamente il punto dove era stata sepolta la croce. E da lì si Iniziò la celebrazione annuale del Meskel, la scoperta della croce di Cristo.

 

Festeggiamenti durante il Meskel

 

La celebrazione di Meskel inizia con l’accensione di un grande falò chiamato “Demera”. Questa processione inizia spesso alla vigilia dell’evento o talvolta la mattina della celebrazione. Precedentemente all’accensione del falò, durante il giorno, si svolge la processione del “Demera”. I leader religiosi di tutta Addis Abeba si riuniscono con i fedeli per suonare i tamburi e sventolare le croci decorate, mentre i fiori di Meskel (Adey Abeba) sono utilizzate per decorare la legna da ardere prima che venga bruciata al tramonto.

 

Il grande falò durante la celebrazione di Meskel

 

La festa di Meskel simboleggia, tra l’altro, la liberazione dell’uomo dal peccato e il suo ingresso in relazione con Dio dopo la morte di Cristo. La celebrazione avviene con funzioni religiose e con grandi falò ornati dal fiore di Meskel. Successivamente allo spegnimento del falò, i fedeli raccolgono le ceneri e lo utilizzano per disegnare una croce sulla fronte. La piazza di Meskel, la più grande e più importante di Addis Ababa, si riempie di gente che con le fiaccole in mano attende l’inizio del grande rito. Molti fedeli credono che il falò di Demera abbia diverse proprietà come il potere di cancellare i peccati e predire il futuro in base alla direzione del fumo e in base alla direzione in cui cade il “Demera”.

La festa viene celebrata in tutte le principali città e in tutti i villaggi con molto calore e partecipazione, ma il posto migliore per assistere alla celebrazione del Meskel è Addis Abeba in Meskel Square, anche se qui si radunano moltissimi fedeli ed è quindi necessario fare i conti con la folla.”

 

 

Meskel, la festa etiope della “vera” Croce
Tag: