Mercoledì 14 aprile alle ore 18:00 si terrà una diretta Facebook sulla nostra pagina CVM Comunità Volontari per il Mondo in occasione della Giornata Mondiale della malattia di Chagas. Il Chagas fa parte delle malattie tropicali dimenticate (NTD) ed è originaria dei Paesi dell’America Latina, ma ad oggi è considerata una malattia globale, che colpisce principalmente i migranti anche in Europa ed in altre regioni del mondo.

L’evento, che si terrà in lingua inglese, è gratuito e fa parte di una serie di incontri volti a sensibilizzare sulle malattie tropicali dimenticate, che si sviluppano in contesti di degrado e povertà. Il dibattito, aperto a tutti gli operatori delle ONG e accademici che lavorano nel campo delle malattie tropicali e degli aiuti umanitari, vedrà coinvolti ospiti internazionali che si confronteranno sui molteplici aspetti legati al controllo e all’eliminazione del Chagas.

 

LA MALATTIA DI CHAGAS

La malattia di Chagas è una malattia potenzialmente pericolosa per la vita causata dal protozoo parassita Trypanosoma cruzi (T. cruzi). Si stima che da 6 a 7 milioni di persone in tutto il mondo siano infette da questo Trypanosoma.

A volte descritta come “malattia della povertà, silenziosa e silenziata”, il Chagas viene trasmesso dal contatto con feci e urina di insetti triatomine sanguisuga. Questi insetti, vettori che trasportano i parassiti, vivono tipicamente nelle fessure dei muri o dei tetti di case e strutture peridomiciliari, come pollai, recinti e magazzini, nelle aree rurali o suburbane. Generalmente la malattia deriva dall’infezione cronica causata dal parassita, e presenta un lungo periodo senza sintomi. Il contagio può avvenire anche in assenza degli insetti, per trasmissione verticale, trasfusioni, trapianti e occasionalmente per ingestione di cibi crudi contaminati con le feci del vettore.

Storicamente la malattia di Chagas era diffusa in America Latina, ma recentemente sta emergendo come problema di salute pubblica globale, anche in Europa. Nel 2009 sono stati diagnosticati 4.290, di cui in media il 45% in migranti privi di documenti.

 

LA GIORNATA MONDIALE DEL CHAGAS

La malattia di Chagas è dunque una sfida per la salute pubblica anche dei paesi europei. È necessario adottare misure per prevenire e rilevare nuovi casi di trasmissione congenita o trasfusionale e occuparsi dei casi esistenti, con particolare attenzione ai migranti senza permesso di soggiorno che spesso si scontrano con difficoltà di accesso alle cure.

Per questo motivo, insieme al Bernhard Nocht Instituite for Tropical Medicine, Energia per i Diritti Umani, COR NTD, SOIPA, la Cattedra UNESCO dell’Università di Brescia, Diritti al Cuore ONLUS e AILMAC (Associazione Italiana per la Lotta alla malattia di Chagas) vi invitiamo a partecipare collegandovi mercoledì 14 aprile alle ore 18:00 sulla pagina Facebook CVM Comunità Volontari per il Mondo.

 

Interverranno:

Francesco Castelli- Università di Brescia e cattedra Unesco

Valentina Marchese- ASST Ospedali Civili e cattedra Unesco, Brescia

Andrea Angheben – IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar Italia

Federico Monica- Taxibrousse

Ricardo Strauss- Bernhard Nocht Institute for Tropical Medicine European network for Chagas in non-registered migrants

Simona Gabrielli – Università La Sapienza di Roma

Gabriel Ledezma – AILMAC Associazione Italiana Lotta alla Malattia di Chagas

 

EVENTO ONLINE: Giornata Mondiale della malattia di Chagas