Report Human Rights Watch 2019

Etiopia

Dopo anni di proteste diffuse contro le politiche del governo e la brutale repressione della forza di sicurezza, il panorama dei diritti umani si è trasformato nel 2018 dopo che Abiy Ahmed è diventato primo ministro ad aprile. Il governo ha revocato lo stato di emergenza a giugno e ha liberato migliaia di prigionieri politici dalla detenzione, compresi giornalisti e leader chiave dell’opposizione come Eskinder Nega e Merera Gudina. Il governo ha revocato le restrizioni all’accesso a Internet, ha ammesso che le forze di sicurezza facevano affidamento sulla tortura, si impegna in riforme legali delle leggi repressive e ha introdotto numerose altre riforme, aprendo la strada a un migliore rispetto dei diritti umani.

Il Parlamento ha revocato il divieto a tre gruppi di opposizione, Ginbot 7, Oromo Liberation Front (OLF) e Ogaden National Liberation Front (ONLF) a giugno. Molti membri di questi e altri gruppi stanno tornando in Etiopia dall’esilio.

A luglio, l’Etiopia e l’Eritrea hanno risolto uno stallo decennale, firmato un accordo di pace e accettato di attuare la decisione della commissione per i confini internazionali del 2002.

Ad Ottobre storica svolta per la parità di genere in Africa, Sahle-Work Zewde è stata la prima donna Presidente del Parlamento etiope.

A novembre, un alto numero di funzionari della sicurezza di alto grado sono stati arrestati a causa del loro presunto coinvolgimento in violazioni dei diritti umani in detenzione, secondo il procuratore generale.

L’Etiopia ha oltre 2 milioni di sfollati interni, tra cui quasi 1 milione di sfollati ad aprile e giugno a causa del conflitto tra le comunità Guji e Gedio in Oromia e le Nazioni del Sud (SNNPR).

L’Etiopia ha ricevuto riconoscimenti internazionali per il suo programma di riforme quest’anno e continua a godere di un forte sostegno da donatori stranieri e dalla maggior parte dei suoi vicini regionali, grazie al suo ruolo di ospite dell’Unione Africana, ai suoi contributi al mantenimento della pace delle Nazioni Unite, agli sforzi di controterrorismo regionale e ai partenariati per le migrazioni con i paesi occidentali.

Tanzania

Dall’elezione del presidente John Magufuli nel dicembre 2015, la Tanzania ha assistito a un netto declino nel rispetto della libertà di espressione, associazione e assemblea. Attacchi retorici sui diritti delle autorità sono sempre più accompagnati dall’attuazione di leggi repressive e dalle molestie e dall’arresto di giornalisti, membri dell’opposizione e critici. L’autocensura e la paura delle rappresaglie hanno soffocato le critiche. Le donne e le ragazze, in particolare le giovani madri che cercano di studiare, continuano ad affrontare politiche discriminatorie.

Le ragazze in Tanzania continuano a subire discriminazioni nell’istruzione a seguito del divieto di Magufuli del 2017 sulle ragazze incinte e le giovani madri nelle scuole. Molti funzionari della scuola secondaria sottopongono abitualmente le ragazze a test di gravidanza forzata come misura disciplinare per espellere le studentesse incinte dalle scuole.

Le punizioni corporali rimangono un problema serio nelle scuole della Tanzania. Ad agosto, uno studente di 13 anni è morto dopo essere stato picchiato severamente dal suo insegnante.

A settembre, il governo ha annunciato che sospendeva la messaggistica correlata al controllo delle nascite sostenuta dall’Agenzia per lo sviluppo internazionale. Magufuli ha sostenuto che le donne dovrebbero rinunciare alla contraccezione, che le informazioni sulla pianificazione familiare non sono necessarie e che le persone dovrebbero lavorare di più per provvedere alle loro famiglie.

Migliaia di donne tanzaniane che lavorano come domestiche in Medio Oriente affrontano pervasive violazioni dei diritti del lavoro e altri abusi. La Tanzania non ha un quadro giuridico per proteggere i lavoratori migranti dall’essere reclutati in situazioni di lavoro abusivo all’estero, e ciò facilita l’abuso dei lavoratori.

Etiopia e Tanzania | 2018